AttualitàUltime News

San Pietro e Paolo: alle origini della chiesa cattolica…

di LUCA BOFFA

Oggi è San Pietro e Paolo ovvero il primo papa e l’apostolo delle genti, Pietro come apostolo fu scelto da Gesù per essere il primo capo della chiesa stando all’interpretazione cattolica di Matteo 16:18 come passo dei Vangeli e pochi sanno che era sposato con una donna stando ai Vangeli rendendolo così anche un ecclesiastico sposato mentre Paolo ebbe la vocazione di apostolo quando gli comparve Gesù risorto, a differenza di Pietro San Paolo era un ebreo ellenizzato e quindi un imbevuto di cultura greca a differenza di Pietro Apostolo, Paolo diffuse il Verbo di Gesù fuori dagli ambienti ebraici di allora.

La riflessione mia è questa: come tutti sanno il Papa come successore di Pietro apostolo che è santo del giorno è il capo religioso più amato e odiato allo stesso tempo in questo mondo, i papi o vengono idolatrati oppure ai giorni nostri diventano oggetti di satira spesso comica o peggio vengono etichettati coi peggiori epiteti per insultarlo, c’è gente che per ignoranza o peggio per pregiudizio anti cattolico pensa che il Papa fosse in un epoca come il Medioevo il capo di stato più potente di allora per gli europei, quando in realtà i papi medievali sono stati costretti a lottare per una Chiesa libera e indipendente, una dimostrazione pratica è la lotta per le investiture in cui la Chiesa per avere un papa in modo autonomo dovette lottare contro l’Imperatore di Germania che voleva nominare lui il papa come capo della Chiesa.

Protagonista di questa lotta è stato Papa Gregorio VII° morto a Salerno che lottò contro il sovrano Enrico IV° di Franconia, vorrei far notare che nel secolo precedente a questo fatti ovvero il X secolo ci fu il dominio di Maria detta Marozia ovvero una nobildonna di Roma che fece diventare papi corrotti tutti i suoi parenti e il suo amante, c’è da riflettere sul fatto che simili cose accadono anche oggi in ambito cattolico se si pensa a quello che accade in Cina dove i vescovi cattolici vengono controllati dal regime comunista cinese, il bello a mio avviso è che secondo me a qualche dittatore moderno anche di un paese notoriamente non cristiano come la Cina potrebbe sorgere l’idea di avere come alleato un antipapa nominato illegalmente in barba al Vaticano un pò come accadeva per i sovrani medievali che si inimicavano i papi e nominavano papi personaggi che usurpavano il soglio pontificio.

Per finire io credo che il papato è capace di affrontare meglio le sfide moderne a differenza di altri tipi di capi di stato.

Comment here