SportUltime News

Salernitana, tre opzioni per la cessione della società

di MATTEO VICINANZA

Gabriele Gravina presidente della Federazione Italiana gioco calcio è stato molto chiaro: Claudio Lotito dovrà vendere la Salernitana, così da potergli permettere di partecipare al prossimo campionato della massima serie. Il termine fissato per la vendita della Salernitana è quello del 25 giugno, a pochi giorni dalla scadenza delle domande di iscrizione.

Claudio Lotito e Marco Mezzaroma per risolvere questo difficile problema hanno messo sul tavolo varie opzioni. La prima opzione potrebbe essere quella di vendere la Salernitana ad un fondo d’investimento che consentirebbe ai due co-patron di avere più tempo per vendere le proprie quote societarie ai nuovi soci che diventerebbero di fatto i nuovi proprietari della società e della Salernitana. La seconda opzione possibile sarebbe quella di vendere in modo completo il pacchetto delle azioni di maggioranza ad un nuovo socio che diventerebbe il nuovo proprietario della società e della Salernitana. Ma l’intero valore di vendita della Salernitana si aggirerebbe intorno alla cifra degli 80 milioni di euro, e per Claudio Lotito e Marco Mezzaroma vendere la Società e la Salernitana a questa cifra entro il termine del 25 giugno non è una cosa affatto semplice. C’è anche l’opzione di vendere il 51% delle azioni della Salernitana in modo che sia Claudio Lotito che Marco Mezzaroma possano rimanere soci di minoranza perdendo il potere decisionale.

La terza opzione che è rimasta in piedi è quella che vedrebbe Marco Mezzaroma come unico socio, anche se non sarebbe giusto che un personaggio come Marco Mezzaroma non potrebbe essere presidente della società e della Salernitana solo perché Claudio Lotito è il presidente della Lazio. Andrebbe modificata la norma sui gradi di parentela. Le opzioni di vendita della Società e della Salernitana saranno molto frenetiche come molto frenetici saranno i 40 giorni per prendere una decisione anche perché non bisogna trascurare la questione tecnica, perché oltre alla vendita della società e della Salernitana c’è anche una squadra da dover costruire, per poter cominciare ed affrontare in modo migliore l’inizio del prossimo campionato di Serie A, quello 2021/2022.

Comment here