AttualitàUltime News

Papa Francesco visiterà l’Iraq a marzo

di LUCA BOFFA

Nel marzo 2021 Papa Francesco visiterà l’Iraq sulle orme del Patriarca Biblico Abramo, sarà sicuramente un viaggio di portata storica in quanto il Papa visiterà Ur ovvero l’antica città Mesopotamica da cui Abramo appunto è partito per il suo viaggio verso Canaan ovvero la Terra Promessa.

Vi starete chiedendo: Ma Ur che città era?

La città in questione è stata fondata dai Sumeri più quattromila anni fa ed è stata archeologicamente riscoperta nel 1926 ad opera dall’archeologo inglese Sir Leonard Woolley convinto di aver trovato da quelle parti tracce del Diluvio Universale avvenuto al tempo dei leggendari giganti Nephilim(1) e ovviamente di Noè stando alla Bibbia e secondo certe teorie è stata un alluvione mesopotamica avvenuta in tempi antichissimi.

Ur è nata stando agli studi archeologici più moderni come centro agricolo e pastorale come altre grandi città mesopotamiche e secondo le cronologie bibliche Abramo è vissuto nel 19° Secolo Avanti Cristo (2) in piena età del Bronzo quando per darvi l’idea del tempo in cui è vissuto L’Egitto faraonico era al suo massimo splendore e con lui inizia biblicamente parlando l’era dei Patriarchi con cui si è soliti iniziare la storia degli Ebrei come popolo protagonista della Bibbia.

Abramo e la città di Ur saranno il simbolico filo conduttore del Viaggio Apostolico del Papa in Iraq che si terrà nel Marzo 2021 e per concludere l’articolo sarà a mio avviso un Viaggio Apostolico carico di significato storico e religioso insieme.

Note a margine:

Nota 1: I nephilim tradotto come giganti nelle Bibbie occidentali come ad esempio quelle italiane e inglesi sono figure mitologiche malvagie presentate come vissute prima e dopo il Diluvio Universale, sarebbero non giganti in senso mitologico come molti intendono ma secondo gli studiosi della Bibbia sono dei figli illegittimi nati dall’unione tra gli uomini peccatori e donne peccatrici.

Nota 2: Abramo è vissuto in un epoca in cui l’Europa era ancora come buona parte del mondo come lo conosciamo era ancora all’Età della Pietra mentre Mesopotamia ed Egitto già erano in piena Età del Bronzo a dimostrarlo biblicamente è il fatto che Abramo appartiene a una cultura pastorale che utilizzava gli asini come animali da soma e non i cammelli in quanto i cammelli erano sconosciuti come animali a quei tempi.

Comment here