SportUltime News

La Salernitana vince lo scudetto della nostalgia

di MATTEO VICINANZA

Dopo la brutta sconfitta di sabato contro il Brescia, la Salernitana è riuscita a mantenere saldo il primato in classifica. Ma è inoltre arrivata una bella soddisfazione perché attraverso il social Facebook la Salernitana versione 98-99 con in campo Breda e compagni è riuscita a vincere attraverso i like dei tanti tifosi granata, oltre 12mila, la “Ma che ne sanno’s Cup” contro la Sampdoria 1990 – 1991 con in campo Vialli e Mancini che è stata sommersa dal forte uragano del tifo granata che ha fatto soffrire e sognare la Salerno sportiva di quegli anni. Un prestigioso riconoscimento per tutti i tifosi della squadra bersagliera della Salernitana che dopo la sconfitta che ha rimediato domenica contro il Brescia è riuscita a difendere il primato. Speriamo che la vittoria del contest di sabato sera potrà portare un po’ di fortuna alla squadra di Fabrizio Castori per il proseguimento del campionato, a partire dalla sfida di questa sera con il Lecce.

Con il contest organizzato dalla community di Serie A – Operazione Nostalgia, si è avuta la percezione attraverso il tam tam imponente dei tifosi che hanno utilizzato i messaggi per votare e far esprimere il proprio voto alla squadra, dell’amore smisurato del popolo salernitano verso la maglia granata. Speriamo che quanto prima i tifosi granata possano esprimere la loro vicinanza alla Salernitana riempiendo gli spalti con la loro presenza. Nel frattempo resta la vittoria dello scudetto della nostalgia, dopo aver battuto squadre romantiche, come l’Inter di Ronaldo, il Foggia di Zemanlandia, e la Fiorentina di Batistuta e Rui Costa, prima della finalissima contro la Samp di Boskov. Ma evidentemente, nonostante una sofferta e amarissima retrocessione, è rimasta nel cuore della gente. Ed è stata fonte di ispirazione per una maglietta che ha spopolato tra i supporters dell’ippocampo. Di seguito la formazione vincente:

SALERNITANA: Balli; Del Grosso, Fusco, Fresi, Tosto; Gattuso, Breda, Tedesco; Vannucchi; Di Vaio, Di Michele.

Comment here