EventiUltime News

Radio Salerno Village: consegnati gli attestati ai redattori

di LUCA BOFFA

Il 23 Luglio 2020 si è tenuta la manifestazione di consegna degli attestati di partecipazione ai redattori che hanno dato vita al progetto Radio Salerno Village, supplemento radiofonico di Paperboy, periodico d’informazione edito dalla Cooperativa Sociale “Il Villaggio di Esteban”.

Radio Salerno Village è una web radio che trasmette in quanto tale via web attraverso registrazioni caricate o in diretta sui social, è un progetto voluto dalla Regione Campania, che lo scorso giugno ha dato il via alle attività presso la sede del Centro Polifunzionale di Parco Arbostella, con l’inaugurazione del Governatore Vincenzo De Luca, ed è stato un successo al pari di Paperboy come progetto madre.

Anche io Luca Boffa come redattore di Radio Salerno Village, ho ricevuto l’attestato in questione e sono stato assai contento in quanto il mestiere che faccio io, ovvero il giornalista. mi affascina e per me è ancora tutto da scoprire. Gli altri compagni di viaggio che hanno ricevuto l’attestato sono Angelo Dell’Orto, Riccardo Annunziata, Federica Colasanti, Federica Fasulo, Clarissa Fasulo, Luca Consiglio.

Presenti alla manifestazione, che si è tenuta presso il Comune di Salerno, in questione il sindaco Vincenzo Napoli e l’assessore Nino Savastano che si occupa delle politiche sociali tra i quali i problemi del terzo settore. Ad aprire la cerimonia, il presidente de “Il Villaggio di Esteban Carlo Noviello“, oltre al direttore di Radio Salerno Village Umberto Adinolfi, presenti anche i docenti Clemente Ultimo e Alfonso Maria Tartarone, che si sono alternati in redazione al pari del tutor Stefano Masucci.

Io credo e spero che questo progetto vada avanti perché la nostra radio merita molto di più ed è originale per il terzo settore e non solo per dare possibilità di lavoro a ragazzi disabili e non solo in quanto Paperboy e Radio Salerno Village offrono a mio avviso possibilità di lavoro anche ai cosiddetti normali.

 

Foto a cura di Luciano Boffa:

Comment here